Celebrazione del “Giorno dello spagnolo”
43 paesi in tutto il mondo celebrano il «Giorno dello spagnolo».

Una pioggia di parole viene lanciata dall’edificio dell’ Istituto Cervantes a proposito della celebrazione. Quello di ieri passerà alla storia come il primo “Giorno dello spagnolo”. L’Istituto Cervantes ha dato infatti il via a questa festività che si celebra in 43 paesi del mondo. Più di 450 milioni di persone parlano questa lingua, ufficiale in 21 stati. Fra tre generazioni lo spagnolo sarà compreso dal 10% della popolazione mondiale, come conseguenza della trasformazione degli Stati Uniti nel primo paese di lingua spagnola nel 2050.

Ieri la direttrice dell’Istituo Cervantes, Carmen Caffarel, inaugurò la festa del “Giorno dello spagnolo” nella sede dell’Istituto in compagnia del Ministro della Cultura, Ángeles González-Sinde. Dopo aver osservato un minuto di silenzio all’inizio della celebrazione per l’ultima vittima dell’ETA, il poliziotto Eduardo Antonio Puelles García, inizió una pioggia di parole spagnole proposte dagli internauti, ai quali piacque molto la parola «malevo» (persona di mala fede).

Caffarel confessò che aveva fatto il tifo per la parola «añoranza» (nostalgia), ma che se “oggi potessi cambiarlo, farei il tifo per la parola «paz» (pace)”. Da parte sua, invece, González-Sinde utilizzò nel suo discorso più parole come «paz, solidaridad e libertad» (pace, solidarietà e libertá), dopo un “giorno tragico” influenzato dai recenti avvenimenti. Comunque, se dovesse prendere una decisione, il Ministro della Cultura disse che sarebbe “molto difficile scegliere una parola di una lingua tanto ricca”, anche se fra le sue preferite ci sono “tutte quelle relazionate con la memoria e la nostalgia”.

Are you interested in any Course?