En martes, ni te cases, ni te embarques, ni de tu casa te apartes. (Il martedì, non sposarti, né imbarcarti, né uscire di casa.)

Questo antico detto spagnolo riflette in parte una tipica superstizione della Spagna e dei paesi ispanici (Cuba, Uruguay, Paraguay, Argentina, Cile, Perù, Venezuela, Messico, Colombia, Ecuador), che considera martedì 13 come un giorno di sfortuna e sventure .

Nelle culture anglosassoni è passato a venerdì 13, mentre in Italia il giorno della sfortuna è venerdì 17.

L’associazione del martedì alla sfortuna deriva dal fatto che Marte era il dio romano della guerra, ed è per questo che l’omonimo pianeta è considerato una terra di distruzione, sangue e violenza.

Per quanto riguarda il numero tredici, ci sono diversi motivi per cui è legato alla sfortuna. Infatti è un numero che appare in leggende ed eventi tragici.

Ad esempio, le persone presenti all’Ultima Cena erano tredici (dodici apostoli più Gesù). C’erano anche tredici spiriti maligni secondo la Cabala ebraica ed era nel tredicesimo capitolo dell’Apocalisse che arrivò l’anticristo. Sempre nei tarocchi, la carta associata alla morte porta il numero 13. Infine, una leggenda dice che la confusione delle lingue nella Torre di Babele ebbe luogo martedì 13.

Tuttavia, il momento in cui martedì 13 è diventato il giorno della sfortuna è stato probabilmente quello della caduta dell’Impero Romano a Costantinopoli nel maggio 1453, un evento fatale per i cristiani, che si è verificato esattamente martedì 13.

Nonostante tutti gli elementi negativi relativi a questa data, per alcune persone questo è un giorno di buona fortuna, durante il quale scommettono su quel numero nel gioco d’azzardo.

Tra l’altro, in questa data si sono verificati anche eventi positivi.

Martedì 13

Ad esempio, due anni fa il telescopio Hubble ha osservato la rinascita delle stelle in un lampo, fornendo una visione più profonda dell’evoluzione delle stelle centrali delle nebulose planetarie.

Martedì 13, sono riusciti a fermare la febbre gialla, che in Angola e nel R.D. aveva causato oltre 200 morti.

Infine, questo giorno il leader delle FARC Rodrigo Londoño Echeverri “Timochenko” è arrivato in Colombia e ha raggiunto un accordo di pace con il governo, il che significava una pace storica nel paese.

Per questo motivo crediamo che qualcosa di eccezionale possa accaderci oggi, contro ogni previsione. La fortuna è sempre imprevedibile e ci sorprende nei momenti più inaspettati.

iNMSOL vi augura una giornata piena di buone notizie ed eventi fantastici!