Questa domenica si celebrerà la notte più magica dell’anno ed anche la più corta. La notte di San Juan è un appuntamento segnato nel calendario come il giorno nel quale diamo il benvenuto all’estate in un ambiente di intrattenimento tra amici e familiari. Concerti, feste, parate…Sono molte le attività che una grande varietà di comuni organizzano per questa festa, nel quale le più caratteristiche sono i falò che inonderanno le spiagge della provincia.

Il fuoco e l’acqua, simboli del sole e del mare, sono i principali protagonisti di questo appuntamento festivo, il fuoco è il simbolo di purificazione mentre l’acqua è  fonte di salute e di fertilità.

Perchè celebriamo la notte di San Juan? Tutto indica che continuiamo a ripetere la tradizione ereditata dai nostri antenati per secoli. La storia ci ricorda che San Juan è una festività cristiana di origine pagana nelle quale nella quale i suoi tradizionali falò risalgono all’epoca dell’Impero Romano e all’omaggio alla dea Minerva. La notte di San Juan non è solo una cosa del litorale, ma anche diversi comuni dell’entroterra svolgeranno  questa festa. Aspettandoci così feste diverse dipendentemente da dove ci troviamo, se a Málaga, Granada, Córdoba o Madrid.

A Málaga c’è la notte de los júas, dei fantocci di stoffa, creati dagli abitanti della città con le proprie mani attraveso materiali vecchi come mobili o stoffa. Alle 12 si accendono e arriva il momento di saltare il falò e di godere dei colori e spettacolari fuochi artificiali che invadono il cielo. Celebrare San Juan a Málaga è emozionante perchè assolutamente quasi tutti vanno alle spiagge per assistere a questi grandi fuochi. Inoltre si scrivono anche dei desideri su alcuni foglietti per dopo dargli fuoco e bagnarli nel mare per far augurare buona fortuna.

Nella provincia di Granada, con la sua tradizione e storia araba, l’acqua è una delle maggiori protagoniste della celebrazione. Sono molto diversi i festeggiamenti rispetto alla geografia granadin. Nella maggior parte dei paesi della costa si celebra con un falò e un bagno sotto la luna. Una menzione speciale meritano Salobreña e Motril dove si vuole togliere tutto il male e chiedere 3 desideri  a la vera del fuego. In città si è un po’ persa la tradizione di celebrare questa magica notte, anche se in alcuni quartieri, specialmente quelli limitrofi a La Alhambra, ancora tentano portarla avanti.

La celebrazione della notte di san Juan è direttamente relazionata nell’immaginario comune con la festa locale del pueblo di Lanjarón, perchè rappresenta la festa più tipica. La sua tradizionale Carrera del Agua riunirà approssimatamente 15.000 persone arrivati da diversi punti geografici, che a partire da mezzanotte cominceranno a correre per le strade del paese mentre si lanciano acqua dalle finestre e balconi. In un’ora, da mezzanotte della vigilia fino all’alba del giorno di San Juan, nessuno si libera dai gavettoni, idranti e pistole d’acqua, dando vita a una notte piena di divertimento nello stile di un bambino.

Tutto questo per godere di una notte  che ogni anno resulta indimenticabile. La notte di San Juan commemora il trionfo della luce sull’oscurità. Più che mai, il sole farà fatica ad andarsene. Alle dieci ci sarà ancora una tenue luce.  È una serata in cui il fuoco è l’elemento principale. Chiedere un desiderio, un nuovo rapporto d’amore per prosperare o rafforzarsi, e scongiurare cattivi presagi sono molti dei rituali che vengono eseguiti.

Non perdere questa notte divertente e sorprendente, iNMSOL garantisce che non te ne pentirai!