Molto spesso chiedendo ad uno straniero di descrivere la cultura spagnola e le sue abitudini, probabilmente ti risponderá presentando un’idea sbagliata: solamente tori, paella e flamenco. Quando possiamo parlare di abitudini e quando di stereotipi?

In questo articolo analizzeremo alcuni degli stereotipi piú famosi che vendono come protagonista la Spagna e che tuttora continuano a caratterizzarla.

Tutti gli spagnoli ballano il flamenco. É vero che questo ballo nasce nel Sud della Spagna durante il XVIII secolo, ma questo non siginifica che ogni spagnolo sappia o voglia ballarlo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La siesta. Non é vero che le compagnie finanziano la siesta e soprattutto, al contrario delle dicerie degli ultimi anni, non vi sono dei letti all’interno degli uffici.  Al tempo stesso é scientificamente provato che dormire dopo pranzo reca numerosi benefici: migliora la salute e la circolazione.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tutti gli spagnoli hanno la carnagione, gli occhi e i capelli scuri. In realtá ci sono anche spagnoli dai capelli e dagli occhi chiari: un buon esempio é il giocatore di calcio Gerard Piqué il quale non presenta queste caratteristiche ed é spagnolo.

In Spagna fa sempre caldo. Come ogni altra Nazione europea, il clima estivo non dura tutto l’anno e soprattutto cambia da regione a regione. Vi é infatti una grande differenza tra Nord e Sud. Nel Nord – come la Galicia – durante l’estate piove molto, mentre nel Centro – come a Madrid – durante l’inverno  é molto freddo, con neve e ghiaccio.

La Paella come piatto tipico. Si é il piatto tipico, ma non di tutta la Spagna: solamente della Comunitá Valenciana.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

… Al tempo stesso é anche vero che

Gli spagnoli sono bravi cuochi. In aggiunta alla paella, la Spagna presenta una vasta e soprattutto ricca gastronomia come ad esempio gazpacho, empanada, migas, cocido e tortilla de patata.

Feste popolari. La Spagna presenta una grande tradizione di feste popolari. Proprio per questo motivo ognianno la Spagna ospita  milioni di turisti i quali desiderano visitare e sperimentare queste feste popolari. Alcune fra le piú famose sono: las Fallas, los carnavales de Fiestas de Moros y Cristianos, las Hogueras de San Juan, el Descenso del Sella, la Feria de Abril, el Carneval de Cadiz… .

Vita mondana. Gli spagnoli sono soliti ad uscire – che sia per le tapas, per passeggiare o per fare compere –  ad ogni ora giorno. Normalmente puoi trovare persone per strada ad ogni ora, i negozi chiudono tardi e i ristoranti hanno orari molto felissibili.

Le Tapas. La maggior parte delle dei bar o dei locali, offrono tapas in cui per qualche euro oltre ad una bibita potrai anche provare diversi piatti tipici.

Vita in famiglia. Ci sono numerose festivitá che riuniscono tutta la famiglia: Natale, i Santi e persino il compleanno. Per molte famiglie la domenica é considerato un giorno da trascorrere con la famiglia, infatti sono molto frequenti le visite con pranzi o cene tutti insieme.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Orario. Inizi la giornata tardi, pranzi e ceni tardi, vai a dormire ancora piú tardi. In questo senso la Spagna é famosaper il suo “orario unico” , in quanto si distingue da ogni altra Nazione europea.

Per concludere, le abitudini rappresentano comportamenti tipici di una comunitá che la differenziano da tutte le altre. Molte di queste abitudini si trasmettono nel corso dei secoli e da una generazione all’altra, trasformandosi in tradizioni. In questo articolo abbiamo notato come la Spagna sia una Nazione costituita da tradizioni e forti abitudini, la quale durante i secoli ha ricevuto una grande influenza dalle popolazioni che l’hanno visitata: al giorno d’oggi, grazie a questo mix di culture, la Spagna rappresenta one delle Nazione piú uniche al mondo.

 

Comments

Are you interested in any Course?